From bodily social practise to symbol making - Vittorio Gallese ln 1
News

From bodily social practise to symbol making

Lectio magistralis

La produzione culturale dei simboli, tra cui certamente c’è il linguaggio, non deriva da un’astratta elaborazione cerebrale. E’ vero piuttosto che i contenuti concettuali sono intrisi di emozioni. I concetti, perciò, nascono dalla condivisione sociale di azioni, di gesti e movimenti nello spazio. Prima ancora di trovare la forma espressiva che ha reso possibile condividerli, e comunicabili in tutte le forme, i contenuti del pensiero non vengono da una mente già imparata. Allora, non può essere che il corpo  l’origine di quei concetti che solo più tardi si vestiranno di molteplici fogge. 

Vittorio Gallese nel corso della Lectio che terrà a NAAD lunedì 8 Marzo, usando la lente delle neuroscienze cognitive, descriverà il tragitto che ha stratificato sul significato del corpo, in azione nello spazio, lo sviluppo della cultura umana. Mettendo in forma stabile dei rituali, delle emozioni, e concetti elaborati in un arco di tempo quasi impossibile da pensare, circa due milioni di anni, anche lo spazio artificiale costruito dall’uomo, ovvero l’architettura, è perciò una forma simbolica.

Oggi molto si è stratificato su questa vicenda evolutiva: se molto è stato celato, molto è vivo ancora, nonostante tutto. Compito del progetto è prendersi cura di questa eredità, troppo spesso misconosciuta a danno del benessere delle persone.  

Per prenotarsi su Zoom: https://lnkd.in/dyvWGCd